domenica 4 novembre 2007

Giustizia, non vendetta

A Roma è iniziata la caccia al romeno. Senza nulla togliere, naturalmente, alla tragedia di Giovanna, la donna seviziata e uccisa a Tor di Quinto, volevo proporre una riflessione che sembra essere doverosa. La politica si sta appropriando in modo vergognoso di questo fatto, strumentalizzandolo ai propri fini. Riporto Il pungente corsivo di Alessandro Robecchi apparso oggi su Il Manifesto.

Il mercato dei capri espiatori
di Alessandro Robecchi
I recenti avvenimenti nazionali hanno portato una ventata di euforia sul mercato delle materie prime, specie nel comparto "capri espiatori", un po' depresso dopo la bolla speculativa dei lavavetri. I romeni, più o meno rom, hanno registrato un impressionante balzo in avanti nelle quotazioni, sono molto ricercati e i prefetti più lungimiranti hanno fatto buone scorte. Il titolo "immigrati romeni" ha fatto un balzo anche per il battage della stampa e qualche dichiarazione politica, al punto che si è adombrato il rischio di inside trainer e c'è il sospetto che qualcuno voglia acquisire una posizione dominante grazie alla speculazione sui romeni.
In rialzo anche il comparto degli avvoltoi. Naturalmente gli speculatori più attenti sanno che non durerà a lungo, quindi si sta sviluppando il mercato dei futures dei capri espiatori. Questi raffinati strumenti finanziari consentono di investire su minoranze a cui romperemo i coglioni in futuro. Se il comparto "capri espiatori" tira, va detto, è anche perchè è cambiata la figura dello speculatore medio, oggi più propenso che in passato ai rastrellamenti e alle deportazioni. Ciò dipende dall'insicurezza e dalla volatilità del mercato: un'esistenza precaria, un mutuo variabile, un rischio costante di impoverimento, possono spingere verso una profittevole rabbia che, incanalata, porta alle stelle le quotazioni dei capri espiatori.
Ecco un esempio di come una diffusa paura sociale può essere utile nell'attuale situazione. Se sei incazzato per il mutuo, per il basso reddito, per l'affitto, per l'incertezza del futuro, per la vita dei tuoi figli e per un milione di altre cose, prendere a botte uno zingaro è un rimedio fortemente ricostituente. Il mercato si impenna, sono tutti contenti. Ma attenzione a investirci troppo, si tratta comunque di una speculazione. Una volta scoppiata anche la bolla romena, uno si troverà incazzato come prima e alla ricerca di nuovi bersagli. Per questo il mercato dei capri espiatori deve essere reattivo e veloce: chi sarà il prossimo?

3 commenti:

Alessandro ha detto...

Articolo (tristemente) geniale e condivisibile.

Un bacio, Ale

ratatouille ha detto...

jordan
ma vedo che lo stai già leggendo

data la mole me lo lascio per natale

Anonimo ha detto...

Non, non è così. Con queste leggi e con un un modo di pensare tristemente di sinistra non riusciremo a risolvere il problema. Chi è interessato mi scriva a bruno.pascucci@alice.it. Ho esperienza nel settore, vi spiegherò tante cose.